Personaggi sordi e libri illustrati per bambini

I personaggi sordi

Studio pubblicato su PUBMED

Ripensare la rappresentazione di personaggi sordi nei libri illustrati per bambini 

di Debbie B. Golos  e Annie M. Moses  Psychol anteriore. 2013; 4: 889. Pubblicato online il 27 Nov, 2013 La letteratura per l’infanzia offre l’opportunità ai bambini di vedere entrambe le rappresentazioni di se stessi e degli altri in stampa e in immagini. Non solo può impegnarsi con libri illustrati a sviluppare chiave di alfabetizzazione e le competenze linguistiche e un amore per la lettura, ma la lettura (e / o in corso di leggere)di  libri di alta qualità, ha anche il potenziale per favorire un apprezzamento e rispetto per se stessi e gli altri. Tuttavia, a volte la diversità che esiste nel mondo reale non è rappresentato bene – o del tutto – in libri creati per i bambini (Mendoza e Reese, 2001 , Kama, 2004 ). In questo articolo andremo a discutere la mancanza di la necessità critica di libri per bambini che ritraggono i personaggi Sordi 1  dal punto di vista culturale. Ci saranno anche esempi, tratti da un campione di libri illustrati per bambini, di messaggi di sordità e personaggi sordi nel testo e illustrazioni (ad esempio, Golos e Mosè, 2011 ;. Golos et al, 2012 ). Infine, si metterà in evidenza le implicazioni sia per l’udito e bambini d / sordi così come i genitori e gli educatori.

In genere, quando la gente pensa di sordità, pensano a una persona con disabilità, cioè, qualcuno che non è in grado di fare qualcosa (per esempio, ascoltare).

Questo rappresenta un punto di vista patologico della sordità, che prevede la visualizzazione di sordità come un handicap o come una condizione che deve essere risolto con un intervento medico (ad esempio, impianti cocleari e le protesi acustiche, ad esempio, Lane, 1992 ;. Lane, et al, 1996 ; Padden e Humphries, 2006 ). Studi di studiosi  Sordi suggeriscono una visione alternativa di sordità dal punto di vista culturale, in cui la persona sorda è visto un membro di una minoranza, la comunità dei sordi, ricco con la propria lingua (ad esempio, American Sign Language o ASL) e cultura (ie , cultura dei sordi) (ad esempio, vicolo et al., 1996 ).

Prospettive di sordità e persone sorde in letteratura

Prima del 1990, quando i ricercatori hanno esaminato rappresentazione di personaggi con disabilità nei media, sordità, simili ad altre disabilità, è stato stereotipato come persona, “ha bisogno di essere fissato”, “isolato”, “arrabbiato”, “in pericolo”, e / o “in grado di funzionare nella vita quotidiana” (ad esempio, Carlisle, 1998 ). E ‘stato solo di recente che alcuni hanno cominciato a confrontare i ritratti di sordità per patologica vs prospettive culturali. Sebbene ci sia stata una crescente consapevolezza della cultura dei sordi, prove da studi empirici suggeriscono che la prospettiva patologica prevale (Golos, 2010 ; Golos e Mosè, 2011 ;. Golos et al, 2012 ).

Ad esempio, il contenuto che ha analizzato il testo e le illustrazioni di libri illustrati 20 bambini pubblicato dopo il 1990 e che comprendeva un personaggio principale che era sordo (Golos e Mosè, 2011 ;. Golos et al, 2012 ). I risultati hanno mostrato che la maggior parte dei messaggi legata una prospettiva patologica della sordità (71% dei messaggi di testo e il 93% dei messaggi nelle illustrazioni).

A causa della prevalenza di messaggi che riflettono il modello patologico di sordità, giovani lettori possono essere più probabilità di avere libri su personaggi sordi che frequentano le scuole pubbliche e di essere integrati con i bambini udenti, così come le lotte che potrebbero incontrare in tali contesti. Ad esempio, il più delle volte essi possono conoscere personaggi come Oliver che non possono sentire e, di conseguenza, viene isolato fino a quando non riceve il suo apparecchio acustico (Riski e Klakow, 2001 ).

Sebbene esistano rappresentazioni culturali in letteratura per l’infanzia, personaggi come Oliver dominano la letteratura. Abbiamo trovato che i più comuni messaggi patologicamente orientati inclusi riferimenti alla fissazione sordità del personaggio e di avere una maggiore capacità di funzionare o un miglioramento della qualità della vita, dopo aver ricevuto l’amplificazione (ad esempio, aiuti o impianto cocleare acustici) (Golos e Mosè, 2011 ; Golos et al., 2012 ).

Un altro messaggio ricorrente ha coinvolto il bambino sordo in pericolo. Ad esempio, in un libro illustrato, si teme che un personaggio sordo potrebbe avere investito da una macchina, perché il personaggio non poteva sentire (Roth, 2000 ). In un’altra storia, un bambino sordo elementare età si arrabbia e si imbatte in un ascensore, non sa come usarlo e si blocca. Altri personaggi sono preoccupati perché il ragazzo non riesce a sentire le loro istruzioni verbali (Watkins, 1993 ). Simile alla letteratura disabilità, questi e altri messaggi simili riscontrati nel campione, perpetuano uno stereotipo di un bambino sordo da dover essere fisso o bisogno di aiuto per funzionare in situazioni quotidiane (Carlisle,1998 ; Golos e Mosè, 2011 ; Golos et al., 2012 ).

Anche se il campione è piccolo, ci sono stati pochissimi messaggi culturali presenti nel testo e le illustrazioni dei 20 libri illustrati analizzati. Uno dei pochi esempi viene dal Mosè serie, in cui il personaggio sordi, Mosè, frequenta una scuola per i sordi e tutti i segni (tra cui la sua famiglia). Quando sua madre chiede a Mosè come il suo primo giorno di scuola era lui risponde: “Ho 10 compagni di classe … e tutti e dieci sono i miei amici” (Millman, 2000 , p. 27). Ulteriori esempi inclusi gli aspetti della comunità dei sordi (ad esempio, frequentando una produzione teatrale sordo), o personaggi sordi che utilizzano luci lampeggianti, e altri culturali tecnologie utilizzate in situazioni di vita quotidiana (cioè, senza medico intervento) (ad esempio, Millman, 2000 ; tilde, 2006 ).

Tuttavia, va notato che i libri convogliatori più di un punto di vista patologico contenevano anche alcuni messaggi positivi. Ad esempio, alcuni libri inclusi i messaggi relativi alle relazioni positive tra il bambino sordo e la sua / il suo genitore (s). In Moonbird (Dunbar, 2007 ), i genitori imparano l’importanza della comunicazione e valorizzare il loro bambino sordo per quello che è, e in Papà e Me in the Morning(Larkin, 1994 ), un padre udito e il suo legame bambino sordo mentre si guarda il sunrise. Momenti come questi rappresentano il collegamento critico tra i membri della famiglia e il loro bambino sordo.

Implicazioni relative prospettive sulla sordità e le persone sorde in libri illustrati

Una ragione prospettiva patologica domina può essere dovuto ad un aumento nella tecnologia medica, come impianti cocleari. Come risultato, i bambini sordi sono sempre più inglobati nelle impostazioni di istruzione generale o sistemati in aule autonomi. Interazioni Tuttavia, in queste impostazioni, un bambino sordo spesso ha limitato con gli altri bambini sordi e / o adulti sordi, non possono essere insegnate o incoraggiati ad usare ASL e le aule spesso non hanno personale e / o le risorse per insegnare la cultura dei sordi.

Prove recenti suggeriscono che i bambini sordi, indipendentemente dall’uso di amplificazione, beneficio dall’esposizione al linguaggio visivo come la ASL (ad esempio, Mayberry, 2007 , 2010 ) e l’esposizione a modelli culturalmente sordi di ruolo (ad esempio, Holcomb, 1997 ). Membri della comunità dei non udenti e delle organizzazioni nazionali per i sordi ( http://www.nad.org/issues/education/k-12/position-statement-schools-deaf ) scuole di supporto per i sordi che offrono l’accesso alla ASL e la cultura dei sordi come l’impostazione preferita per la maggior parte dei bambini sordi. Tuttavia, per il crescente numero di bambini non frequentano queste scuole, ci può essere una maggiore necessità di positivi modelli di ruolo sordi e messaggi positivi circa ASL. Utilizzando libri illustrati per bambini è un modo per farlo. Essi possono anche offrire i messaggi di popolazione acustici per promuovere la comprensione e il rispetto per le persone d / Sordi. Tuttavia, per farlo, devono contenere informazioni accurate sulla comunità dei sordi e la cultura dei sordi.

In definitiva, libri illustrati potrebbero avere un notevole impatto sulla percezione dei bambini di se stessi e gli altri. Se i bambini udenti leggono (o si leggono) libri illustrati che presentano una visione patologica, possono imparare che la sordità è una disabilità, che una persona sorda lotta nella vita quotidiana, e che sono necessari medici “correzioni” in modo che una persona sorda a essere felice, in grado di funzionare, ed essere accettati. Per il bambino sordo, tali rappresentazioni possono coltivare un senso di inadeguatezza e / o bassa senso di sé per quanto riguarda chi sono e cosa possono fare. Lei / lui può anche sentire il bisogno di essere “fisso”.

Se, invece, libri illustrati ritraggono una prospettiva culturale di persone sorde, poi i bambini sordi e udenti potessero imparare che esiste cultura dei sordi e prospera e conoscere meglio la lingua, la storia e valori che sono distinti dalla popolazione udienza. Attraverso l’esposizione e la discussione in merito a messaggi immagine del libro, la popolazione udienza potrebbe anche servire come avvocati per preservare la lingua e la cultura del bambino sordo. Lettori sordi possono vedere che, come il personaggio principale del Mosè serie, si può andare in una scuola dove gli insegnanti sordi usano la lingua dei segni (ad esempio, ASL) e possono imparare a godere delle arti, atletica e accademici utilizzando i loro punti di forza in una visuale lingua (ad esempio, ASL) e in un ambiente visivo. Questo può promuovere un sentimento di orgoglio e di contribuire a sviluppare un forte senso di sé.

Direzioni future

Troppo spesso, essendo diversa dalla maggior parte è rappresentata negativamente. Studi sordi studiosi hanno coniato il termine “Deaf Gain” (all’incirca “guadagno sordo”, “beneficio derivante dalla sordità”)  come un modo di guardare la comunità dei sordi da una prospettiva di beneficio piuttosto che la perdita (Bauman e Murray, 2009 ). Cioè, la visualizzazione di persone sorde a fornire un unico contributo al suo / la sua comunità e la società in generale. Degna di nota sono i “modi di essere” visiva (Bahan, 2009 ), tra cui comunicare attraverso un linguaggio visivo (ad esempio, ASL) e la progettazione di ambienti visivi (un sacco di luce, sedili disposti in modo che tutti possano vedere l’un l’altro, ecc ).

Per contribuire a promuovere il concetto di “Deaf Gain” in libri illustrati per bambini, incoraggiamo i genitori e gli insegnanti a inserire libri con messaggi culturali nelle loro aule, e discutere di questi messaggi culturali. Esempi recenti, oltre al Mosè serie, includono nuovi eBooks di Sordi autori / illustratori come la Zoey Goes serie. Secondo il loro sito, l’obiettivo della loro eBook è per i bambini sordi a “vedere se stessi” e per i bambini udenti a “conoscere una minoranza linguistica” (zoeygoes.com). I genitori e gli insegnanti possono sfruttare questi messaggi discutendo con i bambini (udito o sordi) come le persone sorde beneficiare e accedere modi visuali di essere, come l’utilizzo di una luce per ottenere la loro attenzione cani invece di chiamarlo. Tuttavia, rimane la necessità di letteratura di alta qualità che comprende più di questi tipi di messaggi.

Quando i messaggi patologiche sono presenti, gli educatori dovrebbero prendere il tempo per discuterne.Ad esempio, dopo aver letto il libro sul ragazzo sordo che viene bloccato in ascensore, gli adulti possono chiedere ai bambini se pensano che la situazione è realistico. In alternativa, possono presentare esempi di come tutti i bambini possono utilizzare strategie visive (che gli individui sordi usano) per fare le cose, come ad esempio attraversare la strada. Infine, i bambini possono imparare che tutti i bambini sordi, indipendentemente dal loro utilizzo della tecnologia medica o di sfondo possono avere amici, avere competenze e talenti da condividere con gli altri, e possono condurre una vita significativa.

La ricerca futura

Come area per la ricerca futura, suggeriamo che i libri illustrati per bambini esaminati per la loro qualità. Dopo aver esaminato alcune delle storie e dei temi dei bambini libri illustrati con personaggi sordi, ci si potrebbe chiedere se queste storie sarebbero state pubblicate se i personaggi non fossero sordi.Ad esempio, sarebbe una storia pubblicata su un bambino di un’audizione elementare età che non sapeva come utilizzare un ascensore? Anche se un esame empirico è necessaria per esaminare la qualità della letteratura corrente, gli insegnanti dovrebbero rivedere storie e messaggi nei libri prima di scegliere di incorporarle nelle loro classi. L’obiettivo finale è quello di scegliere i libri che sono degni di tempo dei bambini e l’attenzione che aiutano a sviluppare le loro abilità di alfabetizzazione precoce, e che forniscono informazioni importanti e accurate su diverse popolazioni.

Conclusione

Picture Libri per bambini promettono di promuovere la consapevolezza e l’apprezzamento. Tuttavia, al fine di fare ciò, diverse popolazioni dovrebbero essere rappresentati positivamente e preciso. Libri illustrati possono ritrarre “Deaf Gain” attraverso immagini, storie di fantasia, biografie e altri generi che ritraggono le qualità uniche e vantaggi di modi visivi di essere piuttosto che la perdita dell’udito.Tuttavia, anche quando sono presenti questi argomenti devono ancora essere discussi con i bambini messaggi alternati in modo da sviluppare una consapevolezza e l’apprezzamento dei lettori sentire così come l’orgoglio e la connessione alla cultura dei sordi e la Comunità Sorda nei lettori d / Sordi.

Proprio come il nostro libro illustrato preferito dall’infanzia rimane con noi nel corso degli anni, potrebbero gli altri personaggi e messaggi ritratta in libri illustrati che mostrano persone diverse e diversi modi di essere. Libri illustrati hanno il potenziale di influenzare i nostri pensieri, percezioni e di identità, e la scelta e discutere libri illustrati per bambini piccoli offre opportunità quotidiane per ispirare e illuminare. Idealmente, i libri scelti per i bambini dovrebbero favorire tali risultati positivi creando sia un’impressione positiva immediato e duraturo di se stessi e degli altri.

Note a piè

1 Ai fini del presente documento, si definisce sordi “s” (nell’articolo originale “d”) come qualcuno con una perdita uditiva e “S” Sordi (nell’articolo originale “d” Deaf) come qualcuno che si identifica con la comunità dei sordi.

Riferimenti
  • Bahan B. (2009). orientamento sensoriale . Sordi Stud. Digit. J . 1 .
  • Bauman H.-D., Murray J. (2009). Riformulare di perdita dell’udito a Sordi Gain . Sordi Stud.Digit. J .
  • Carlisle M. (1998). Rappresentazione delle persone con disabilità in letteratura 1940’s-1980 dei bambini .
  • Dunbar J. (2007). Moonbird (J. Ray, Illus) . Londra: Transworld Publishers.
  • Golos D. (2010). La rappresentazione di personaggi Sordi in televisione educativa: una analisi del contenuto . J. Child. Media , 4 , 248-264.10.1080/17482798.2010.486130 [ Croce Ref ]
  • Golos D., Moses A. (2011). Rappresentazione di caratteri sordi a bambini libri illustrati . Am.Ann. Deaf 156 , 270-282.10.1353/aad.2011.0025 [ PubMed ] [ Croce Ref ]
  • Golos D., Moses A., Wolbers K. (2012). cultura o disabilità? Esaminare personaggi sordi in bambini foto illustrazioni per libri . precoce del bambino. Educ. J . 40 , 239-249.10.1007/s10643-012-0506-0 [ Croce Ref ]
  • Holcomb T. (1997). Sviluppo di sordi un’identità biculturale . Am. Ann. Deaf 142 , 89-93.10.1353/aad.2012.0728 [ PubMed ] [ Croce Ref ]
  • Kama A. (2004). Supercrips rispetto ai portatori di handicap pietoso: ricezione di disattivazione delle immagini per disabili membri del pubblico . Communications 29 , 447-466.10.1515/comm.2004.29.4.447 [ Croce Ref ]
  • . Lane, H. (1992), La maschera di benevolenza: la disattivazione della comunità dei sordi . New York, NY: Alfred Knopf.
  • Corsia H., Hoffmeister R., Bahan B. (1996). Viaggio nella Sordi-World . (San Diego, CA: Alba Iscriviti Press;).
  • Larkin P. (1994). papà e me la mattina (R. Steele, Illus ). Morton Grove, IL: Albert Whitman & Company.
  • Mayberry R. (2007). Quando il tempismo è tutto: l’età degli effetti di acquisizione prima lingua sull’apprendimento di una seconda lingua . Appl. Psicolinguista . 28 , 537-549.10.1017/S0142716407070294 [ Croce Ref ]
  • Mayberry R. (2010). acquisizione precoce delle lingue e la capacità di linguaggio adulto: quello della lingua dei segni rivela circa il periodo critico per la lingua , in Oxford Handbook of Deaf Studies, lingua e istruzione , vol. 2 , a cura di M. Marschark, Spencer P., redattori. (New York, NY: Oxford University Press), 281-291.10.1093/oxfordhb/9780195390032.013.0019[ Croce Ref ]
  • J. Mendoza, Reese D. (2001). Esaminare <x) ks per la classe prima infanzia multiculturale foto b: le possibilità e le insidie ​​. precoce del bambino. Res. Pract . 3 , 155-169.
  • I. Millman (2000). Mosè va a scuola . New York, NY: Farrar, Straus, and Giroux.
  • Padden C., Humphries TL (2006). All’interno Deaf Culture . Cambridge, MA: Harvard University Press.
  • Riski MC, Klakow NP (2001). Oliver Ottiene Apparecchi acustici (NB Polygone, Illus) . Stäfa: Phonak.
  • Roth GR (2000). Orecchie di Elana (KS Brooks, Illus.) . Washington, DC: Magination Press.
  • Tilde PL (2006). The Wall Garden . Watertown, MA: Charlesbridge.
  • Watkins D. (1993). Finestra Spelling (Roberts, Illus.) . Greenville, SC: JourneyForth.

i sordi nei libri per bambini

i sordi nei libri per bambini

Articoli da Frontiers in Psychology sono forniti qui per gentile concessione di Frontiers Media SA

Articolo open-access distribuito sotto i termini della licenza Creative Commons Attribution (CC BY)
I personaggi sordi nei libri illustrati per bambini

Matteo è sordo di Simonetta Anniballi, Roma, Sinnos Editrice, 2003

 

Dizionario Minimo n.1 Le Vocali

Dizionario Minimo n.1 Le Vocali  in Lingua dei Segni Italiana LIS

Adesso almeno sulle vocali siamo ad un corpus discreto….

Dizionario minimo n1 Le Vocali

 

con l’inserimento del Dizionario minimo n1 Le Vocali (a cui evidentemente seguiranno il n.2 e il n.3) delle Vocali

 

 

e dopo il libro de Le vocali 1 ( a cui evidentemente seguiranno… )

Il libro delle vocali LIS

Il libro delle vocali LIS

e

 

 

 

 

 

Il Poster delle Vocali …. a cui seguiranno altri, anche perché a mia nipote questo è sembrato troppo per maschietti e me ne ha chiesto uno per femminucce 😆

Poster Vocali LIS

Poster Vocali LIS

e dopo

la GIF delle Vocali (che trovate nella sezione GIF altrimenti la pagina qui perde tutta la struttura! )

dopo di ciò, dicevamo….

dovremmo avere quel poco di materiale per non far annoiare troppo i bimbi!

Il dizionario minimo si arricchirà quanto prima, devo solo dare una ritoccata qui e là…

Vi ricordo che i file si scaricano cliccando sopra il nome scritto in grassetto e azzurro e che invece tutte le immagini possono essere salvate cliccandoci sopra,  poi tasto destro del mouse e salvate con nome… una volta sul vostro PC potete farne quello che volete, qui è tutto Open content, utilizzatelo, diffondetelo, modificatelo e se volete partecipare a questo progetto di diffusione della Lingua dei Segni non serve altro che andare in fondo alla pagina e caricare quanto volete condividere, specificatemi solo se volete essere citati/citate come autori e verrà fatto. I vostri lavori posso anche metterli protetti ma… credetemi: qualunque cosa sia su internet non ha possibilità alcuna di essere veramente protetto! Non da tutti, almeno :mrgreen:

Torniamo alle nostre cose: le vocali.

A breve arriverà la seconda sfornata di materiale, tenetevi pronti!

Un BUON LAVORO e BUONA LIS a tutti!

ASL_Clip_Art_3~~element65~~57

 

 

Le Vocali in LIS – poster

Le Vocali in LIS – poster

Aggiunto nella pagina Z-Immagini LIS qualche disegno colorato delle 5 vocali A-E-I-O-U segnate da un personaggio da fumetto con sfondo stile fantasy.

Poster con personaggi fantasy che segnano le vocali della Lingua dei Segni Italiana - LinguisticaLis Blog

Poster Fantasy Vocali LIS

Le variazioni del tema sono infinite, per farle è stato necessario del tempo e diversi programmi. Innanzitutto il disegno è stato fatto a mano libera in bianco e nero, necessita di una semplice matita e un foglio bianco formato A4. Poi va ripulito il più possibile con la gomma da cancellare da tutte le sfumature e scansionato, in modo da riportarlo su PC. Apro con PAINT il disegno e lo “ripasso”, avendo cura di aumentarlo sino al 400%… altrimenti vien tutto tremolante… con tanta pazienza si passano i bordi e si puliscono le zone interne ed esterne ai contorni. Quando si ha un disegno in bianco e nero con la funzione “secchiello” si colora, io salvo diverse combinazioni di colore perché… così i bambini possono scegliere quella che più preferiscono. La scheda bianca per colorare, quelle colorate per avere dei modelli di riferimento. Per dare alle immagini l’effetto fantasy ho invece salvato una serie di sfondi dal sito http://it.forwallpaper.com/  e con un altro programma liberamente scaricabile, Merge, sovrappongo il mio disegno allo sfondo ottenuto, modifico la trasparenza, i contrasti e di nuovo ottengo due-tre combinazioni di colori quindi… salvo. Per il poster, infine, ho usato Power Point. Apro una nuova diapositiva e la sistemo orizzontale e formato A3. Inserisco le immagini che mi servono, le accosto l’una all’altra, eventualmente taglio o ridimensiono per riuscire a dare un bordo unico e continuativo tra le varie immagini. Ho lasciato un angolo vuoto per inserire il titolo del poster in Word ART e in ogni immagine ho inserito la vocale corrispondete a quella segnata imitando i colori degli sfondi. Il risultato è un poster coloratissimo e decisamente cool 😎 è possibile stamparlo, il risultato finale dovrebbe essere accettabile in quanto i disegni originali sono stati fatti in formato A4 e gli sfondi sono di dimensioni analoghe… in caso fatemi sapere 🙂 Questo è il mio Poster delle vocali… cliccate sopra e salvate come immagine! (p.s. piace a maschietti e femminucce… tra gli 8 e gli 11 anni)

Poster con personaggi fantasy che segnano le vocali della Lingua dei Segni Italiana - LinguisticaLis Blog

Poster Fantasy Vocali LIS

10 marzo 2014
ed ecco il poster per le ragazze!

Le Vocali

Le Vocali