Rappresentazione lessicale e semantica nelle Lingue dei Segni. Nuovo studio.

Rappresentazione lessicale e semantica nelle Lingue dei Segni. Nuovo studio.

 

With or Without Semantic Mediation: Retrieval of Lexical Representations in Sign Production.

  1. Eduardo Navarrete*,Università di Padova
  2. Arianna Caccaro ,Istituto Magarotto
  3. Francesco Pavani ,University of Trento
  4. Bradford Z. Mahon   University of Rochester
  5. Francesca Peressotti University of Rochester Medical Center

Received September 9, 2014. Revision received November 18, 2014. Accepted November 18, 2014.

abstract in PUBMED 

How are lexical representations retrieved during sign production? Similar to spoken languages, lexical representation in sign language must be accessed through semantics when naming pictures. However, it remains an open issue whether lexical representations in sign language can be accessed via routes that bypass semantics when retrieval is elicited by written words. Here we address this issue by exploring under which circumstances sign retrieval is sensitive to semantic context. To this end we replicate, in sign language production, the cumulative semantic cost: The observation that naming latencies increase monotonically with each additional within-category item that is named in a sequence of pictures. In the experiment reported here, deaf participants signed sequences of pictures or signed sequences of Italian written words using Italian Sign Language. The results showed a cumulative semantic cost in picture naming but, strikingly, not in word naming. This suggests that only picture naming required access to semantics, whereas deaf signers accessed the sign language lexicon directly (i.e., bypassing semantics) when naming written words. The implications of these findings for the architecture of the sign production system are discussed in the context of current models of lexical access in spoken language production.

Download articolo in inglese:

With or Without Semantic Mediation: Retrieval of Lexical Representations in Sign Production. 

Esperimento

Metodo

Partecipanti
Ventidue segnanti LIS, gli studenti della Scuola Magarotto per le persone sorde (Padova, Italia), sono stati inclusi nel gruppo sperimentale (età media – = – 18; range: 15-30; deviazione standard [SD] – = – 4.26). Tutti i partecipanti avevano una vista normale e nessun deficit cognitivo, o altri devicit sensoriali oltre ad essere sordo. Usano la Lingua Italiana dei Segni come principale strumento di comunicazione a scuola e nella vita quotidiana. Tutti i partecipanti sono anche abili utilizzatori di italiano scritto e parlato, che faceva parte del curriculum scolastico. Venti partecipanti erano autoctoni italiani segnanti. Due partecipanti erano segnanti non nativi, cioè il il primo linguaggio a cui erano esposti non era Lingua Italiana dei Segni; sono diventato fluenti nella Lingua Italiana dei Segni, quando entrarono nella scuola Magarotto, all’età di 13 anni.[…]

Materiale
Ottantotto fotografie a colori prese da Internet, a dimensioni per adattarsi in un quadrato di 400 × 400 pixel. Cinquanta delle 88 fotografie appartenevano a 10 diverse categorie semantiche, con 5 articoli in ogni categoria semantica (vedi appendice). Il resto della fotografie erano elementi di riempimento e non provengono dalla stessa categorie come gli elementi critici.

Design
Le ottantotto immagini sono state inserite a caso in una sequenza con i seguenti vincoli. Foto di ogni categoria sono stati separati da ritardi di 2, 4, 6, o 8 elementi intermedi. I primi 5 elementi della sequenza sono stati elementi di riempimento. Elementi di riempimento e l’ordine delle categorie della sequenza sono stati assegnati in modo casuale. Questo processo è stato ripetuto nove volte con stessi vincoli e la struttura, producendo 10 sequenze sperimentale  (vedi Navarrete et- al., 2010, per la precedente su questi vincoli). Sono stati creati due versioni diverse di ogni sequenza : uno contenente stimoli delle immagini e degli altri stimoli denominativi che contengono (in italiano). Ogni partecipante ha ricevuto quattro differenti sequenze sperimentali (ad esempio, blocchi). I primi 2 blocchi sperimentali contenevano stimoli immagini e le ultime due stimoli di parole, o viceversa. Questo è stato controbilanciato in modo uniforme tra i partecipanti.

Procedura
Uno studio sperimentale per i partecipanti sordi comportato la a seguito di eventi. Al centro dello schermo è stato presentato l’istruzione “Press z + m”. I partecipanti sono stati tenuti a premere i tasti “z” e “m” sulla tastiera con le dita indice delle mani, rispettivamente destra e sinistra. Non appena sono stati premuti i due tasti, lo stimolo bersaglio appare sulla schermo. I partecipanti sono stati invitati a nominare l’elemento più veloce e il più accuratamente possibile con il segno corrispondente. Gli articoli sono stati presentati fino a quando uno dei due tasti è stato rilasciato dalla tastiera. È stato avviato un intervallo inter-trial di 1.500 ms quando la seconda chiave è stato rilasciato dalla tastiera. Dopo l’intervallo inter-trial, le istruzioni per la prova successiva sono stati presentati (“Press z + m”). I tempi di reazione sono stati misurati sia per la prima e la seconda stampa chiave (analisi di seguito si basano sulla prima uscita). Ci fu una breve pausa tra ogni blocco. Non c’era familiarizzazione e partecipanti non sono stati corretti per tutta la sessione sperimentale (come negli studi precedenti del costo semantica cumulativa, ad esempio, Howard et-al, 2006;. Navarrete et-al, 2010.). Prima dell’inizio dell’esperimento, i partecipanti sono stati formati con la procedura di denominazione. Quattordici nuove immagini di riempimento sono stati selezionati per la fase di addestramento. Solo quando il partecipante è in grado di effettuare correttamente l’operazione l’esperimento inizia. Diciotto partecipanti hanno richiesto un solo blocco di formazione, quattro due blocchi di formazione.
Nell’esperimento di controllo con madrelingua italiana, il
istruzione “Premere z + m” non è stato presentato e partecipanti
per via orale (ad esempio, in lingua parlata italiana) stimoli di immagine e parola. Tutti i partecipanti all’ esperimento di controllo hanno completato un blocco di formazione.

[…]

Download articolo in inglese:

With or Without Semantic Mediation: Retrieval of Lexical Representations in Sign Production.